Home / Chi siamo

Chi siamo

Limerick è una piccola libreria indipendente specializzata in libri illustrati per adulti, bambini, ragazzi, giovani adulti e adulti giovanili. Essendo l’unica libreria del quartiere Arcella, a Padova, ha comunque di tutto un po’: narrativa, poesia, libri di cucina, viaggi, creatività e libri in lingua, in piccole e buone dosi. La selezione infatti è il nostro punto forte, perché un conto è cercare un ago nel pagliaio del maremagnum editoriale, un altro è cercarlo dentro a una muffola.

Abbiamo aperto nel 2015, in un momento in cui non sembrava un’idea né buona né sensata – così ci dicevano – ecco perché la libreria si chiama come una filastrocca nonsense! Oltre che per la selezione curatissima dei libri, in poco meno di quattro anni possiamo ben dire di essere diventate un punto di riferimento come realtà attivatrice del quartiere Arcella, grazie anche alla gran quantità di eventi e occasioni culturali e creative, dedicate a tutte le età, che organizziamo e di cui ci siamo fatte promotrici: incontri con autori, laboratori per bambini, corsi di scrittura e lettura ad alta voce, gruppi di lettura, audioforum e molti altri eventi.

Alla libreria Limerick trovi disponibilità, ad ascoltare e consigliare, ma soprattutto libertà: di osservare, sfogliare, annusare tutti i libri che ci sono; di prendersi il tempo che serve per farsi trovare da una storia; di sedersi a leggere, anche ad alta voce; libertà di pensare mezz’ora alla dedica prima di farsi fare il pacchetto regalo…

Marta Bracciale

Amo i libri. Odio i fagiolini. Entrambi i sentimenti nascono in giovanissima età. Ispirata da Prisca Puntoni in Ascolta il mio cuore (Bianca Pitzorno, 1991), alle elementari scrivo il mio primo libro dentro a un’agenda: romanzo incompiuto, arriva solo al 23° capitolo . Ci riprovo più tardi battendo a macchina un avvincente giallo di 10 capitoli (e 10 pagine).
Adesso che sono grande i libri non li scrivo, ma li amo, li leggo, li scelgo, li consiglio, li vendo. Aprire la libreria Limerick è il sogno più grande che io abbia mai realizzato finora, e chiuderla sarebbe il sogno infranto che mai vorrei si realizzasse.

Grazia Raimondo

Terza di quattro figli in una chiassosa famiglia del Sud, nei primi mesi di vita il brusco passaggio dall’arancino di città ai canederli di paese mi ha causato senso di spaesamento, uno spiccato spirito di adattamento e una gran fame. A questo, agli anni ’90, ma soprattutto alle scuole medie, sono sopravvissuta con molte storie, piedi nei ruscelli, fili d’erba fischiati e fantasticherie.
Una delle mie più grandi amiche d’infanzia era figlia della bibliotecaria del paese che – per difendersi – ci ha messo in mano pile e pile di libri, con il chiaro obiettivo di farci perdere nelle storie e lasciarla lavorare in pace. La cosa che so fare meglio, ad oggi, è emozionarmi.